Chiamateci per telefono:

+373 (79) 26-11-27

Blog

Lingua Ceca

About-us

Curiosità della lingua Ceca

• Il ceco e una delle lingue slave occidentali appartenenti alla famiglia delle lingue indoeuropee, e la lingua nazionale della Repubblica Ceca. Lo parlano circa 11 milioni di cechi che vivono nella Repubblica Ceca, ed anche circa 2 milioni di chi vive in altri paesi dell'Europa centrale (Austria, Belgio, Francia) e negli Stati Uniti d'America.
• Il sistema di scrittura ceca e creata in base latina con numerosi segni diacritici. I primi monumenti scritti in lingua ceca risalgono alla fine del XIII secolo.
• Ci sono alcuni dialetti della lingua ceca, di cui i parlanti, in genere, capiscono bene l'uno l'altro. Tale situazione e condizionata dalle trasformazioni storiche dello Stato Ceco.
• Adesso, in seguito all'influenza della lingua letteraria, le differenze fra i dialetti si cancellano.

Curiosità

• Il suono piu raro e il suono ceco «rʒts». I bambini cechi fanno fatica ad assimilarlo ed iniziano a pronunciare il suono «rʒts» per l'ultimo.
• Il ceco (cestina) è una lingua slava occidentale, strettamente imparentata allo slovacco, da cui però si è sempre differenziato per cui non si può parlare di lingua cecoslovacca, anche se durante il perido in cui Repubblica ceca e Repubblica slovacca erano unite le due lingue si sono avvicinate molto, mentre ora si stanno nuovamente differenziando. In ogni caso, una persona che parla ceco capisce benissimo chi parla slovacco e viceversa.
• Entrambe le lingue sono caratterizzate dalla presenza di vocali di diversa lunghezza, brevi o lunghe (indicate con una specie di accento acuto), il che determina un suono particolarmente melodioso in cui è difficile comprendere dove termina una parola e ha inizio un’altra. L’alfabeto è latino e ricco di diacritici e viene utilizzato per la traslitterazione scientifica dagli alfabeti cirillici. La particolarità che differenzia il ceco da tutte le altre lingue slave è la presenza del fonema r, assente in tutte le altre lingue europee, che è il risultato di un addolcimento della r ed è un suono a metà tra la r e la j francese.
• Inoltre, in ceco, come in slovacco e in croato, è presente anche la r sonante, che può essere cioè nucleo di sillaba come se fosse una vocale (es. krtek!), mentre solo in ceco anche la l può essere sonante, come avviene in Vltava, il nome ceco del fiume Moldava.
• La declinazione si articola in 7 casi ed è molto più complessa di quella della maggior parte delle altre lingue slave che in genere non scherzano! Tra l’altro, i Cechi amano declinare qualsiasi parola, anche se di origine straniera per cui nei giornali cechi si possono trovare nomi di star americane o di politici italiani resi quasi irriconoscibili da strane desinenze.
• Un’altra caratteristica che rende particolarmente difficile accostarsi al ceco è rappresentata dal lessico. Infatti, poichèper secoli in Boemia la lingua ufficiale e anche quella letteraria è stata il Tedesco, dal momento della sua “riscoperta” a partire dal ‘700 il Ceco ha teso a differenziarsene il più possibile. Nonostante lo stretto rapporto con il Tedesco, si trovano in ceco pochissimi prestiti da questa lingua, mentre sono molti i calchi dal Tedesco realizzati però con termini di origine puramente slava.